Bisogno di affetto

Smart
Ieri, camminando per strada, ha attirato la mia attenzione una Smart parcheggiata, e non ho potuto fare a meno di fotografarla. Mi chiedo cosa possa spingere una persona (sicuramente maggiorenne, visto che ha la patente) a trasformare il cruscotto della sua auto nell’equivalente della cameretta di una bambina di otto anni. Chissà se ha paura di guidare, e la parata di peluche è un modo di esorcizzare i pericoli della guida. O se invece è la manifestazione dell’infantilismo di ritorno di tanti proprietari di Smart, che guidano come se, date le piccole dimensioni del veicolo, le infrazioni e le scorrettezze non contassero…

Share Button

5 risposte a “Bisogno di affetto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *