Archivi del mese: febbraio 2007

E' notorio…

…che l’Oscar è un premio che ha motivazioni in buona parte extraartistiche. E dunque lamentarsi per l’insensatezza dei premi è del tutto vano.
Tuttavia non si può non notare che Scorsese, dopo aver firmato fior di capolavori rimasti senza premio, viene premiato per uno dei suoi film meno riusciti. Un film che tra l’altro aveva il suo maggior punto debole nella sceneggiatura, che è stata premiata con un altro Oscar. Mah…
Soprattutto, dare solo il premio per il miglior sonoro a un capolavoro come Lettere da Iwo Jima è al di là di qualsiasi commento.

Share

Mai più senza

P1010116Ieri sono stato a un matrimonio. In casa degli sposi ho visto l’oggetto che vedete nella foto. Si tratta, ovviamente, di una paletta per dolci, ma di tipo particolare: una paletta musicale. I quattro pulsanti sul manico permettono di suonare, durnate il taglio della torta, il più appropriato tra i quattro temi musicali corrispondenti. La scelta è tra Tanti auguri a te per i compleanni, la Marcia nuziale di Wagner per i matrimoni, Pompa e circostanza di Elgar per le feste di laurea, e He’s a jolly good fellow per le altre occasioni. Nel momento in cui l’ho vista, ho sentito simultaneamente due voci nella testa. Una che mormorava stancamente "L’orrore, l’orrore…". L’altra che urlava: "Sììììì, la voglio! Dev’essere MIA!!!"…

Share

L'ora di finirla

MeccanismoPoche cose mi irritano quanto le persone che spendono cifre enormi per acquistare orologi con raffinatissimi meccanismi. Potrei ancora capire se si trattasse di orologi d’epoca. Ma no, sono meccanismi costruiti oggi in laboratorio, il cui costo esorbitante è giustificato dal fatto di ricavare meccanicamente la stessa precisione oggi ottenibile con un chip elettronico da poche decine di euro. E’ qualcosa di veramente insensato: come stipendiare una persona perché ti porti tutti i giorni un blocco di ghiaccio proveniente dalle Alpi e usarlo per conservare i cibi al posto di un frigorifero. Una spesa totalmente inutile, che non porta alcun vantaggio pratico. E nemmeno estetico, dato che il meccanismo di un orologio di solito non si vede. E, anche se si vedesse, sarebbe indistinguibile da uno molto meno preciso.

Perciò, quando ho saputo che oggi Bobo Vieri si è fatto portare via un orologio che costa poco meno di quanto guadagno in un anno, la mia reazione è stata, inevitabilmente: ben gli sta!

Share

Webcomic: Questionable Content

PintsizeTitolo e link: Questionable Content
Autore:
Jeph Jacques
Lingua:
Inglese
Tipologia:
Sit-com                
Formato:
Strip di quattro vignette lunghe
Colore o b/n:
A colori
Cadenza:
Cinque giorni la settimana, regolare
Continuità:
Un’unica storia continua
Gergalità:
Cospicua, gergo giovanile e tanti riferimenti a band oscure
Elementi fantastici:
Numerosi quando appaiono gli anthro-PC, ma per il resto il fumetto è realistico
Violenza:
Inesistente
Autoreferenzialità:
Nessuna
Archivio:
L’intero corpo del fumetto è disponibile online
Giudizio:
(10)

MartenQuestionable Content è una sit-com nel vero senso della parola, dato che i personaggi per la stragrande maggioranza delle storie non fanno altro che chiacchierare tra di loro scambiandosi battute, senza che nulla succeda. Ciò non toglie che sia un’ottima sit-com, di quelle che puoi continuare a seguire per l’eternità godendoti i dialoghi, senza veramente aspettarti che succeda qualcosa di più. Io la trovo spettacolarmente divertente, e mi chiedo come faccia l’autore, che tra l’altro è un giovincello, a sparare così una battuta dietro l’altra senza calare mai di tono. E mi piace anche la naturalezza con cui passa senza soluzione di continuità dal comico al drammatico, o dal banalmente realistico al totalmente fantascientifico. Per non parlare della quantità spaventosa di band che cita. Per giunta esce tutti i giorni. Dà dipendenza.

FayeIl mio consiglio è di cominciare dalla prima storia e seguirvelo tutto. Tuttavia, se volete sapere cosa è successo finora, vi dirà che Marten è ragazzo americano (categoria “indie”) con un lavoretto del cavolo in un ufficio. Faye è invece una formosa studentessa del sud. I due si piacciono. Il caso vuole che un incendio distrugga l’abitazione di Faye e che Marten si veda costretto a ospitarla in casa sua (dove vive in compagnia di Pintsize, il suo robot-PC). Il problema è che Faye è in crisi a causa del suicidio del padre, e non riesce a convincersi a iniziare una relazione seria con Marten. Entra così in gioco Dora, la snella e sexy datrice di lavoro di Faye al Coffee of Doom, un bar in cui i clienti vengono trattati malissimo, e che proprio per questo ha un grande successo. Anche a Dora piace Marten, e i due finiscono insieme. Marten è un po’ imbarazzato nei confronti di Faye, che sembra avere accettato la cosa… ma vedremo in futuro. Altri personaggi importanti: Raven, la ragazza apparentemente svampita, compagna di lavoro di Faye e Dora. Annelore, vicina di casa di Marten, preda di una sindrome ossesiva-compulsiva che la spinge a pulire casa in continuazione. Sven, il fratello donnaiolo di Dora. Penelope, la nuova arrivata al Coffee of Doom, sospettata di essere in realtà la supereroina Pizza Girl. Eccetera eccetera

Esempio Esempio

Share

Webcomic: The Perry Bible Fellowship

The Perry Bible FellowshipTitolo e link: The Perry Bible Fellowship
Autore:
Nicholas Gurewitch
Lingua: Inglese
Tipologia:
Nonsense, umorismo nero
Formato:
Strip di lunghezza variabile
Colore o b/n:
A colori o bianco e nero
Cadenza:
Irregolare
Continuità:
Vignette singole
Gergalità:
Scarsa, poco o nessun testo
Elementi fantastici:
Numerosi
Violenza: Variabile, a volte cospicua
Autoreferenzialità:
Nessuna
Archivio:
L’intero corpo del fumetto è disponibile online
Giudizio:
(6)

The Perry Bible Fellowship è difficile da descrivere, in quanto non ha una trama o dei personaggi ricorrenti: è solo una raccolta di strip dello stesso autore. Quello che le accomuna è un umorismo davvero peculiare, che va alla caccia del nonsense con un particolare gusto dell’orrido e del macabro, godendo nel dimostrare come anche le cose apparentemente più innocue e rassicuranti possano in realtà avere un lato perverso, ostile, orribile o addirittura micidiale.
Tecnicamente è interessante la grandissima varietà di stili usata, che prende a prestito da ogni possibile iconografia, riprodotta con tecnica impeccabile prima di pervertirla.
Non lasciatevi ingnanare dal tratto da libro per bambini, perché è un fumetto molto adulto. Per il resto, gli avrei dato un voto anche più alto e le strip degli ultimi mesi non mi fossero sembrate un po’ troppo lambiccate.

Esempio Esempio Esempio

Share

Proverbi

Mia moglie voleva invitare a cena suo fratello per domani sera. Ma lui ha declinato l’invito: non poteva assolutamente rinunciare a guardare l’ennesima puntata di un’appassionante serie televisiva.

Le ho detto: "Hai fatto i conti senza Lost!"

Share

Webcomic: Help Desk

AlexTitolo e link: Help Desk
Autore: Christopher B. Wright

Lingua: Inglese
Tipologia: Satirico
Formato: Strip di lunghezza variabile (di solito 4 vignette allungate)
Colore o b/n: A colori
Cadenza: Irregolare
Continuità: storie singole o archi di storia di varia lunghezza, qualche evoluzione dei personaggi
Gergalità: abbondante gergo informatico
Elementi fantastici: Numerosi
Violenza: Inesistente
Autoreferenzialità: Nessuna
Archivio: L’intero corpo del fumetto è disponibile online
Giudizio: (7)

Alex lavora al servizio clienti della Ubersoft, una maligna software-house stranamente somigliante alla Microsoft. La Ubersoft produce un terrificante sistema operativo (Nifty Doorways, del quale è appena uscita la nuova edizione, Verandah), e il suo proprietario e amministratore delegato è in realtà un essere demoniaco proveniente da chissà quale dimensione, e che nessuno osa nominare (anche se, per ragioni di marketing, è noto al pubblico come “il signor Coniglietti, l’allegro e saltellante uomo dei computer). Il compito del servizio clienti di una simile ditta, ovviamente, non è quello di aiutare i clienti, bensì quello di impedirgli di risolvere i loro problemi, se possibile riuscendo loro a spillare dell’altro denaro. Del resto non è così dappertutto? Alla Ubersoft possiamo incontrare anche Binky, una graffetta insopportabilmente allegra e ciarliera, e numerosi altri personaggi.

Help Desk appartiene a una particolare e molto diffusa categoria di webcomic: quelli disegnati male. Le strip sono di solito prive di sfondi, e i personaggi sono sempre uguali e privi di espressione, copiaincollati da una vignetta all’altra. Del resto, l’autore è ben conscio di questa sua limitazione, tanto è vero che pubblica anche un fumetto parallelo, Old skool webcomic, i cui personaggi sono addirittura dei cerchi, distinguibili tra loro solo grazie a delle lettere indicatrici. Ogni tanto, ultimamente, ha provato a introdurre degli sfondi, ma non è che il risultato sia favoloso; in compenso ogni volta che ci prova si prende una settimana di pausa per disegnarli.   Ma non importa, perché si tratta di un fumetto basato sull’umorismo verbale, e quello funziona benissimo. Help Desk è una satira puntuale del mondo dell’informatica. Così puntuale che a volte mi capita di apprendere la versione satirica ancora prima della notizia vera. Le battute sono taglienti, e alcune trovate davvero geniali. Chi ha spesso a che fare con i computer avrà la risata garantita.

Share

Webcomic: Net to be

AlessioTitolo e link: Net to Be
Autore: Roberto Grassilli
Lingua: Italiano
Tipologia: Satirico
Formato: Strip di tre o più vignette
Colore o b/n: Bianco e nero
Cadenza: Irregolare, sporadica
Continuità: Storie singole isolate si alternano con archi di storia, personaggi in evoluzione
Gergalità: Unanotevole quantità di gergo informatico
Elementi fantastici: Alcuni.
Violenza: Inesistente o quasi
Autoreferenzialità: Nessuna
Archivio: L’intero corpo del fumetto è disponibile online
Giudizio: (8)

Net to be (contrazione del titolo iniziale, To be or net to be) è un fumetto che satireggia il mondo dell’informatica italiana. I protagonisti sono gli impiegati della Immanet, nata come dinamica startup, poi rientrata nei ranghi e acquistata da meno fastidiosi proprietari, salvata grazie ai finanziamenti di un socio nella lontana Ismizia, sempre minacciata dal rapace concorrente Mediasect. Gli impiegati della Immanet sono troppo numerosi pe poterli nominare tutti, anche perché sono tutti ben caratterizzati. Citiamo Travone (l’impiegato che passa tutto il tempo in chat perché nessuno riesce a ricordarsi per quale compito è stato assunto), la stagista bionda (che è stagista da sempre e di cui nessuno si ricorda il nome), Zibusti (l’impiegato che nessuno ha visto e comunica solo tramite post-it, e che in seguito si scopre essere morto addirittura da prima dell’assunzione) e così via.

Net to be è un gran bel fumetto. Ha uno stile originale ed espressivo, una comicità surreale e innovativa, e soprattutto la capacità di satireggiare miti e tendenzze dell’informatica nostrana con la sagacia di chi la conosce dal di dentro. La precisione di dettaglioc on cui tuttala fauna di Immanet viene descritta è davvero stupefacente. E’ un peccatoche l’autore, dopo un periodo in cui riusciva a scrivere anche più strisce la settimana, abbia ridotto la cadenza a poco più di una al mese.

Esempio

Share

Comunicazione di servizio

In questo periodo sono un po’ incasinato. Scusate se non rispondo subito ai commenti e non rispetto le scadenze.

Share

Webcomic: Red Meat

Titolo e link: Red Meat
Lingua: Inglese
Tipologia: Umorismo nero
Formato:
Strip di tre vignette
Colore o b/n: Bianco e nero
Cadenza: Una volte la settimana (estremamente regolare)
Continuità: Nessuna. Personaggi ricorrenti, ma evoluzione scarsa o nulla
Gergalità: Molto elevata.
Elementi fantastici: Alcuni.
Violenza: Abbondante ed estrema, ma quasi sempre fuori scena o solo verbale
Autoreferenzialità: Nessuna
Archivio: L’intero corpo del fumetto è disponibile online
Giudizio: (7)

Red Meat è un fumetto sull’orrore nascosto nella normalità e sulla normalità dell’orrore. Molti dei suoi personaggi sembrano normali (per esempio Ted e la sua famigliola, il lattaio Dan, simbolo della tranquilla America di provincia, o ancora il vecchio cowboy sempre con lo sguardo perso verso l’orizzonte), e vengono rappresentati in pose e vignette sempre uguali come se fossero immersi in una tranquillità che nulla può sconvolgere. Ma i loro discorsi rivelano ogni volta nuove, orribili e stupefacenti perversioni. Quanto a chi è evidentemente disadattato, come l’Earl dagli occhi fuori dalle orbite che vedete nella figura, o l’handicappato Johnny che ha la testa a forma di limone, cerca disperatamente quanto inutilmente di costruirsi una normalità con materiali che dell’anormalità sono la quintessenza.
E’ sicuramente un fumetto destinato a stomaci forti. Chi non si spaventa di fronte al macabro, al crudele o al repellente potrà farsi delle gran risate amare. L’unico vero difetto che gli trovo è che, per forza di cose, comincia a diventare ripetitivo.

Esempio

Share