Non donna di provincie, ma bordello

Sapete tutti come sono andate le cose: ieri in Parlamento si è votato su una proposta di legge costituzionale dell’IDV per abolire le provincie italiane. Date le molte assenze nella maggioranza (contraria, nonostante l’abolizione delle provincie fosse nel programma elettorale del PDL), la legge avrebbe potuto passare. Non è passata perché il PD, a differenza del resto dell’opposizione, centristi compresi, si è astenuto.
Accusato di aver fatto mancare il proprio voto affossando un obiettivo che in teoria condivideva, il PD si è difeso dicendo che la proposta dell’IDV è demagogica, perché prevede la pura e semplice abolizione delle provincie senza preoccuparsi di chi andrà a svolgere i compiti che ora sono di loro competenza. Il PD al contrario, ha una sua proposta di legge molto più articolata che prevede un riordino generale delle autonomie locali e si occupa di questi problemi. Nelle parole del responsabile degli enti locali del PD, Davide Zoggia: “Se si vuole fare serio bisogna quindi dire a chi, una volta abolite , vanno le funzioni delle province, almeno quelle essenziali, come verrà dislocato il personale che oggi vi lavora”.
Ora, se le cose stessero così, effettivamente il PD qualche ragione per astenersi (forse) ce l’avrebbe avuta. Ma andiamo a vedere la realtà dei fatti.
Secondo la proposta di legge IDV, le provincie vengono semplicemente abolite. La parola “provincie” scompare dalla Costituzione, e i beni e le funzioni provinciali vengono trasferiti a comuni e regioni. Il come questo avverrà è demandato a una futura legge che il Parlamento si impegna a emanare entro un anno dall’abolizione. In poche parole, le provincie vengono abolite in modo totale e irreversibile, delle conseguenze si discuterà poi. Viene però prevista la possibilità di creare delle “città metropolitane” (altra cosa di cui si favoleggia da quando ero bambino).
Cosa dice invece la proposta di legge PD? Anche qui si parla della costituzione di città metropolitane. Per il resto, le provincie vengono soppresse d’ufficio solo dove sorgano città metropolitane. Non si prevede un’autentica abolizione delle provincie, ma solo un riassetto, con una modifica dei compiti attribuiti alle provincie, demandato a una futura legge, e l’accorpamento o soppressione delle provincie troppo piccole, demandato agli enti locali.
Ora, dopo aver letto ambedue le proposte di legge, non mi pare proprio che la proposta del PD sia più precisa di quella dell’IDV riguardo a chi si assumerà le funzioni delle provincie. Ambedue le proposte, infatti, demandano questa decisione a una legge successiva e ancora inesistente. Anzi, semmai da questo punto di vista è più chiara la proposta IDV, che perlomeno specifica che le funzioni andranno suddivise tra regioni e comuni. La proposta PD demanda tutto a un fantomatico riassetto ancora da definire.
Ma la differenza principale tra le due proposte è un’altra. E cioè che con la proposta IDV le provincie cesserebbero effettivamente di esistere, ovunque. Nella proposta del PD, no! A ben vedere, quella del PD non è una proposta per l’abolizione delle provincie. È una proposta che prevede la riforma dell’istituzione provincia (in direzione per ora imprecisata), e apre la possibilità (ma solo a discrezione degli enti locali) di abolire alcune delle provincie più inutili.
Emergono così ancora una volta inalterati, nonostante il recente cambiamento della situazione politica, tutti i problemi che da sempre affliggono il PD. Che si dimostra ancora una volta un partito incapace di compiere delle scelte nette, pure nei casi in cui la volontà dell’elettorato è chiarissima. L’abolizione delle provincie è un tema che riscuote un larghissimo consenso sia nell’elettorato del PD sia in larghe fasce di elettori che non lo votano. Per non parlare del fatto che una sconfitta del governo su questo tema, che per la Lega è di grande importanza, avrebbe creato ulteriori difficoltà a una maggioranza già allo sbando. Eppure ci si è astenuti. È difficile non pensare che la dirigenza del PD sia più impegnata a preservare i propri equilibri interni che a opporsi al peggior governo della storia della Repubblica.
Il caso Milano e i referendum non hanno insegnato nulla. Pisapia ha proposto agli elettori delle posizioni chiare e senza ambiguità, anche su temi controversi come l’immigrazione e le moschee, e ha stravinto. Sui referendum invece, il PD ha mantenuto a lungo una posizione intermedia, ed è stato costretto poi a cambiare atteggiamento per non essere scavalcato dai suoi elettori. Eppure il PD continua a proporsi come un partito da Prima Repubblica, che chiede agli elettori un mandato in bianco per fare poi da camera di compensazione tra tutti gli interessi in gioco e non scontentare nessuno. È la stessa linea che ha portato alle sconfitte brucianti degli ultimi anni, e che consente a partiti come IDV e SEL di rosicchiargli consensi, presentandosi come coloro che fanno la vera opposizione.
Se il PD presentasse non un complicato programma, ma una dozzina di provvedimenti inequivocabili e senza mezze misure (come potrebbe essere appunto l’abolizione delle provincie senza se e senza ma), si impegnasse sul serio a realizzarli, e si dichiarasse disposto ad allearsi con chiunque li condivida, vincerebbe le elezioni a mani basse. Se non lo farà, per la pochezza dei suoi dirigenti, dopo vent’anni di berlusconismo, se si lascerà sfuggire questa occasione, non verrà perdonato. Né dai suoi elettori, né dalla Storia.

Share Button

Commenti

  1. Soloist

    Condivido al 200%.
    Piccolo errata corrige:
    “…è più chiara la proposta IDV, che perlomeno specifica che le funzioni andranno suddivise tra REGIONI e comuni.”

    1. Autore
      del Post
  2. Ricardo Klement

    Invece di ricreare il mondo da zero, basterebbe più modestamente fare province a più teste con consiglio equamente diviso tra i territori accorpati, denominazione plurima e stemmi inquartati, in modo da risparmiare senza incasinare né le conoscenze geografiche né il senso d’indentità locale. Se l’imperatore d’Austria era pure re d’Ingheria, il presidente della provincia di Modena potrà ben essere pure presidente della provincia di Reggio Emilia (magari rievocando il Duca d’Este).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *