La guerra dei cloni


Computer Idea è una rivista per cui ho lavorato per cinque anni, dal 2000 al 2004. Anche se poi la mia carriera è proseguita altrove, le sono tuttora molto affezionato: è stata la prima testata sulla quale ho firmato articoli con regolarità, e si può dire che facendo parte della redazione ho imparato gran parte di ciò che so del mestiere di giornalista. Fu anche una piccola rivoluzione nell’editoria italiana: la prima rivista di informatica e tecnologia autenticamente popolare, che raggiunse un picco di 200.000 copie vendute. Partecipare dall’interno, in un gruppo giovane ed entusiasta (anche se i conflitti non sono mancati), fu un’esperienza davvero indimenticabile.
Purtroppo, non molto dopo la mia uscita, il gruppo internazionale VNU, che la editava, decise di sbarazzarsi dell’intero comparto editoria. Computer Idea cominciò così un declino nelle mani di vari editori improvvisati, che promettevano improbabili rilanci ma in realtà hanno lentamente strangolato la rivista, obbligando la redazione a continui spostamenti, non pagando i collaboratori, diminuendo le risorse, fino alla cessazione delle pubblicazioni avvenuta quest’anno.
Computer Idea aveva ancora molti lettori affezionatissimi che non perdevano un numero da anni. E che saranno molto felici di vedere la loro rivista preferita di nuovo in edicola. Peccato che non sia vero. Guardate attentamente le due riviste nella foto. Quella di sinistra è la vera Computer Idea. Quella di destra è Il Mio Computer Ideale, una rivista edita da Sprea, la cui grafica e organizzazione interna ricalcano nei minimi dettagli quella di Computer Idea, e la cui testata è stata resa quasi identica a quella di Computer Idea con astuzie grafiche. La somiglianza è tale che credo che, acquistando la rivista in edicola, ci sarei potuto cascare anch’io.
Non è certo una novità che in Italia vengano create riviste con titolo e impostazione simili a quelli di una pubblicazione di successo, per accalappiare i lettori che non badano troppo ai dettagli. Per esempio, Idea Web di Edizioni Master fu un tentativo piuttosto azzeccato di sfruttare il “traino” di Computer Idea. Tuttavia, se è legittimo ispirarsi a un prodotto riuscito per proporne una versione simile, in questo caso si va ben oltre i limiti del plagio. Una simile operazione di clonazione editoriale non si era mai vista.
Trovo la cosa estremamente discutibile, sia perché si configura come un deliberato inganno nei confronti dei lettori, sia perché la cosa va a tutto svantaggio dei lavoratori di Computer Idea, che sono a casa senza stipendio in attesa della cassa integrazione, con la rivista in mano al curatore fallimentare, e che si vedono così derubati dell’unica cosa loro rimasta, cioè quel patrimonio di lettori che potrebbero gradire un rilancio della testata in edicola.
La qualità morale dell’operazione si commenta da sé. In ogni caso, sappiate che quella che trovate in edicola non è Computer Idea.

 

Share Button

12 risposte a “La guerra dei cloni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *