Archivio tag: fantasy

Libro: Le dame di Grace Adieu

Le dame di Grace AdieuNon avevo intenzione di comprare questo libro, perché sono un po’ diffidente verso le "code" di romanzi di successo. Tempo fa mi hanno regalato Natale in Silver Street di Michael Faber, e ci ho trovato alcuni racconti carini, ma nulla che mi dicesse qualcosa di più rispetto a quanto avevo letto in Il petalo cremisi e il bianco. Allo stesso modo, voci fidate mi hanno detto che La collina dei ricordi nulla aggiunge a La collina dei conigli di Richard Adams. Quindi ritenevo che anche di questo Le dame di Grace Adieu, raccolta di racconti ambientati nello stesso universo fantastico di Jonathan Strange e il signor Norrell, avesse poco da dirmi. Fortunatamente però ne ho trovato una copia a metà prezzo sui banchi del Libraccio subito dopo aver finito Jonathan Strange, e ho deciso il Destino voleva che lo leggessi.
In effetti Le dame di Grace Adieu è un gran bel libro, che si può leggere con piacere anche senza aver letto il suo antecedente, ma che sicuramente verrà goduto in particolare da chi invece lo ha letto e apprezzato. Susanna Clarke qui si rivela una scrittrice molto versatile, dato che ogni racconto è scritto in uno stile completamente diverso. Solo uno è direttamente collegato a Jonathan Strange, altri sono ambientati in epoche completamente diverse, simili a fiabe o a cronache medioevali. C’è anche un racconto in cui il mondo fantastico della Clarke entra in comunicazione con quello di Stardust di Neil Gaiman, e ho persino colto una citazione dai fumetti di Superman (vedremo se qualcun altro la coglierà: è per solutori più che abili!).
L’antologia ha anche dissipato alcuni miei dubbi sulla Clarke. Il suo romanzo, come potete leggere, mi è piaciuto moltissimo, ma mi era rimasto qualche dubbio sul messaggio che l’autrice voleva trasmettere. In particolare, questo insistere sull’inglesità della magia mi era parso un po’ un indizio di quel passatismo nostalgico che alligna in molti autori fantasy. Temevo, insomma, che andando a grattare si trovasse il solito passato mitizzato in cui tutto andava bene perché gli esseri umani non avevano grilli per la testa. Ma non si può certo dire questo dei racconti di Grace Adieu, in cui tra l’altro c’è un interessante rovesciamento: se Jonathan Strange era un romanzo quasi tutto al maschile, qui le donne sono protagoniste e si prendono un bel po’ di rivincite.
Comunque sia, una lettura consigliata.

Questo post appare anche su Il Leggio.

Share Button

Webcomic: Girl Genius

girlgenius.15Titolo e link: Girl Genius
Lingua: Inglese
Tipologia: Avventuroso steampunk
Formato: Tavole complete
Colore o b/n: Colore (prime tavole in bianco e nero)
Cadenza: Tre volte la settimana (estremamente regolare)
Continuità: Storia continua
Gergalità: Nessuna. Qualche difficoltà con i personaggi che parlano con accento
Elementi fantastici: Fumetto totalmente fantastico
Violenza: Poca e addomesticata
Autoreferenzialità: Nessuna
Archivio: L’intero corpo del fumetto sarà presto disponibile online (mancano poche tavole)
Giudizio: (10)

Girl Genius si svolge nell’Europa dell ‘800, ma in versione molto diversa da quella che conosciamo. Al posto della scienza moderna, si è diffusa una scienza motlo più avanzata ma anche assurda e imprevedibile, creazione del genio di una manciata di scienziati pazzi. Coloro che hanno la "scintilla" nella mente sanno creare complessi macchinari quasi dal nulla, ma spesso non sono in grado di dominare le conseguenze delle loro invenzioni. In passato un gruppo di avventurieri con la "scintilla", gli Heterodyne Boys, avevano compiuto mirabolanti avventure per risolvere i problemi derivati dalle invenzioni andate fuori controllo, ma ora sono scomparsi. L’Europa era precipitata nel caos, e l’ordine è stato ripristinato col pugno di ferro dal barone Von Wulfenbach, l’unico sopravvissuto degli Heterodyne Boys.
La protagonista del fumetto è Agatha, giovane studentessa all’Università Polignostica di Transilvania. Inizialmente pensa di essere semplicemente un’orfana senza alcun potere che studia per diventare assistente di laboratorio… maben presto verrà trascinata in una serie di avventure in giro per il mondo, in cui scoprirà che molto di ciò che credeva leggenda è invece realtà.

Girl Genius ha compiuto il percorso inverso rispetto a molto fumetti recenti: nato come cartaceo, si è successivamente trasferito on-line (i fascicoli vengono pubblicati solo dopo che tutte le tavole sono apparse sul web). Posso dire che è il mio webcomic preferito: è ambientato in un mondo fantastico estremamente originale e dettagliato, ha una trama di una complessità mostruosa che pure si mantiene comprensibile e sembra poter andare avanti per sempre, è disegnato benissimo, e mescola con grande equilibrio umorismo e avventura. Non posso che consigliarlo con tutto il cuore.

Qui trovate una storia breve ambientata in un periodo molto successivo a quello descritto nella storia principale. Un ottimo esempio dello stile del fumetto.

Share Button

Libro: Jonathan Strange & il Signor Norrell

Jonathan Strange e il signor NorrellNell’Inghilterra del 1300, un uomo ritornò dai Regni Fatati alla guida di un esercito di elfi e, grazie alla propria magia, si incoronò Re del Nord. Gli uomini lo chiamavano il Re Corvo, e regnò per trecento anni prima di scomparire nel nulla. Ora siamo nel XIX secolo, l’Inghilterra combatte Napoleone, le creature fatate sono tornate a essere materia di leggenda, e la magia è diventata una questione per noiosi eruditi, che è storicamente esistita ma che nessuno più è in grado di mettere in pratica. Nel giro di breve tempo, però, appaiono due uomini che sono nuovamente in grado di praticare la magia. I due sono uniti dal sogno di far rinascere la magia inglese, ma sono profondamente diversi, in tutto, e gli scontri sono inevitabili. Alla fine scopriranno entrambi che aver risvegliato la magia ha un prezzo che non avevano previsto.

Jonathan Strange & il Signor Norrell non è certamente il "solito" libro fantasy. Per cominciare, è scritto con uno stile ispirato a quello di Jane Austen (ma a me ha ricordato anche Dickens), cosa che già di per sé ha messo in fuga, per quanto ne so, più di un lettore non abituato a simili ricercatezze. Inoltre è un libro che frustra deliberatamente le aspettative del lettore, dissimulando abilmente gli eventi importanti collocandoli tra mille altri dettagli, tanto che ci si chiede continuamente se mai si arriverà al dunque; e poi, dopo seicento pagine, per così dire, di "introduzione", di colpo la vicenda piomba nel vivo, tutti i dettagli vanno al loro posto, e il romanzo si rivela molto più cupo, orrorifico e disturbante di quanto le leziosaggini precedenti lasciassero immaginare. Per me questi, beninteso, sono dei pregi; ma, se a voi suonano come dei difetti, allora è meglio che non cominciate neppure la lettura: non arrivereste in fondo.

Confesso che in qualche punto anch’io ho provato una punta di irritazione per le divagazioni tutte inglesi cui l’autrice ci sottopone; e sono tuttora convinto che alcuni episodi, per esempio la lunga rivisitazione della battaglia di Waterloo, siano superflui o comunque si prolunghino più del dovuto. E confesso anche che tuttora sono perplesso sulle motivazioni che hanno spinto la Clarke a scrivere questo libro, il cui significato appare sottile e sfuggente. Ma, come accade con i grandi romanzi, questo non è un ostacolo al godimento della storia. Il fascino del mondo magico di Norrell e Strange è tale da non dover essere giustificato. Proprio come la magia che descrive, così diversa da quella ormai standardizzata della quasi totalità del fantasy moderno, non si lascia imbrigliare in sovrastrutture teoriche, "è" e basta, a disposizione di tutti coloro che vorranno affrontarlo, rischiando di farsene ammaliare.

Questo post appare anche su Il Leggio.

Share Button