Totem e tabù

maomettoNei primi giorni ho provato la forte tentazione di esporre anch’io su questo blog le vignette incriminate. Lo hanno fatto in tanti, e posso capirne i motivi. Come si fa a non solidarizzare con dei giornalisti mincciati di morte solo perchè hanno pubblicato quel che ritenevano giusto? Come si fa a non sostenere una piccola pacifica nazione che vede le proprie ambasciate date alle fiamme per il solo fatto di avere libertà di stampa nei suoi confini?
Eppure.
Eppure, dopo averci pensato molto, ho deciso di non farlo. Perché, siamo d’accordo, le reazioni del mondo islamico a quelle vignette sono state esagerate, inaccettabili, barbariche, tutto quello che si vuole. E’ impensabile che di fronte a un foglio di giornale si reagisca con la violenza e con le armi. Ma resta il fatto che pubblicare quelle vignette è stato un errore. E, pur deplorando le violenze, non me la sento di contribuire a fare di quei giornalisti degli eroi.
Per i musulmani il non rappresentare il volto di Maometto è un tabù religioso. Che, come tutti i tabù religiosi, sembra stupido e infantile a chiunque non lo condivida. Ma ha la stessa valenza di qualsiasi altro. I giornalisti di Jyllands-Posten si sono scandalizzati perché non si trovava alcun disegnatore disposto a illustrare un libro su Maometto. E non hanno trovato di meglio da fare che violare loro stessi il tabù. Ma io mi chiedo, se un autore non riuscisse a trovare un illustratore per il suo libro sulla vita sessuale di Maria di Nazareth, si scandalizzerebbero? E correrebbero subito a pubblicare vignette con la Madonna con le gambe aperte per protestare? Ne dubito fortemente.
Personalmente non sono religioso. E mi infastisce qualunque tentativo di impormi delle regole per non ferire la sensibilità religiosa di qualcuno. Però so anche che la libertà di parola, per quanto sacra, ha anche dei sacrosanti limiti. Se dico il falso, e persino se dico il vero in modo gratuitamente insultante per qualcuno, finisco in galera per diffamazione. Ed è giusto, perché la libertà di parola è un valore, non è un’arma. Io sono dispostissimo a difendere la libertà di qualcuno di prendersela con Dio e con la religione, ma vorrei che avesse un motivo valido. I giornalisti di Jyllands-Posten hanno infranto un tabù solo per dimostrare che potevano farlo, e nelle loro motivazioni non vedo altro che il desiderio di dileggiare una fede solo perché non è la loro. E questo non è il tipo di libertà di parola che va difeso a oltranza.

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *